Cerca
Close this search box.

Imbarcati in un viaggio straordinario che attraversa il cuore del Caucaso, un territorio affascinante che serve da ponte tra le ricche culture europee e le tradizioni asiatiche. Immergetevi nell’essenza stessa del Caucaso, avvertirete il suo calore avvolgente e sperimenterete l’ospitalità unica di questa regione.

Visiteremo i tesori nascosti dell’Azerbaijan e della Georgia, unendo passato e presente attraverso una serie di tappe che spaziano da antichi siti archeologici a imponenti castelli, suggestive torri e maestose chiese e monasteri. Ogni sito è un tassello di una storia millenaria e di una cultura che lascia un’impronta indelebile nella vostra memoria.

Avrete l’opportunità di vivere appieno l’atmosfera di questi luoghi intrisi di tradizioni secolari, lasciandovi affascinare da una cornice paesaggistica mozzafiato e dalle testimonianze tangibili di un passato straordinario. Sia che siate appassionati di storia, cultura o semplicemente alla ricerca di un’esperienza unica, questo viaggio nel Caucaso promette di soddisfare la vostra sete di avventura e di arricchire il vostro spirito con ricordi indelebili.

Date di partenza garantite 2024

da lunedì a martedì, 9 giorni

dal 25 marzo al 02 aprile 2024
dal 22 aprile al 30 aprile 2024
dal 20 maggio al 28 maggio 2024
dal 03 giugno al 11 giugno 2024
dal 10 giugno al 18 giugno 2024
dal 08 luglio al 16 luglio 2024
dal 22 luglio al 30 luglio 2024
dal 05 agosto al 13 agosto 2024
dal 02 settembre al 10 settembre 2024
dal 16 settembre al 24 settembre 2024

dal 30 settembre al 08 ottobre 2024
dal 14 ottobre al 22 ottobre 2024

Programma:

1° giorno: Italia – Baku
Al nostro arrivo all’aeroporto internazionale di Baku saremo accolti dalla nostra guida ufficiale e trasferiti all’hotel per il pernottamento a Baku.

2° giorno: Baku – Gobustan – Baku (120 km)
Dopo la prima colazione, partiremo per un’entusiasmante escursione a Gobustan: ci immergeremo in un sito straordinario, ricco di incisioni rupestri risalenti al periodo neolitico, con più di 4.000 iscrizioni che ci raccontano storie di oltre 12.000 anni fa. Tra graffiti latini del I secolo d.C. e pitture rupestri che ritraggono la vita di uomini e donne impegnati nella caccia o in danze rituali, esploreremo il passato affascinante di questa regione. Successivamente, ci dirigeremo verso la zona dei “Vulcani Di Fango“, una delle meraviglie naturali dell’Azerbaijan, con oltre 100 vulcani di diverse altezze che conferiscono all’area un aspetto lunare. Continueremo la giornata con la visita alla Moschea Bibi-Heybat. Il pranzo sarà servito in un ristorante locale. Ritorneremo a Baku, dove esploreremo la città vecchia, visitando monumenti storici come caravanserragli, i resti della chiesa Santo Bartolomeo, il vecchio hammam, la famosa Torre della Vergine e antiche moschee. La serata sarà libera per la cena e il pernottamento in hotel a Baku.

3° giorno: Baku – Absheron – Baku (60 km)
Dopo la prima colazione, ci dirigeremo verso la penisola di Absheron, raggiungendo l’Atashgah, il tempio del fuoco, nel villaggio di Surakhani, ancora oggi un luogo sacro per gli adoratori del Fuoco. Continueremo la giornata con la visita di Yanardagh, la montagna che brucia, una delle incredibili bellezze naturali dell’Azerbaigian. Il pranzo sarà servito in un ristorante locale.

Ritorneremo a Baku e faremo una sosta al bellissimo Centro Culturale progettato da Zaha Hadid (ingresso non incluso) per ammirarne l’imponente e futuristica architettura. Non lontano, esploreremo il “Yashil Bazar” (mercato verde). Rientreremo in hotel per la cena libera e il pernottamento.

4° giorno: Baku – Shamakha – Shaki (300 km)
Dopo una ricca colazione, ci metteremo in viaggio verso Sheki, una delle città più importanti lungo la Via della Seta. Lungo la strada, effettueremo una sosta nel villaggio di Mereze per visitare il mausoleo di Diri Baba, un sufi il cui corpo, sepolto qui nel 1402, rimase miracolosamente intatto. Questo santuario, costruito sfruttando una caverna naturale in un costone, è diventato nel corso dei secoli meta di pellegrinaggi. Arriveremo a Shaki, una delle città più significative lungo la Via della Seta. Il pranzo sarà servito lungo il percorso. Ci trasferiremo al villaggio di Kish per visitare una importante chiesa paleocristiana, costruita tra il I° ed il V° secolo d.C. quando il Cristianesimo si diffuse nella regione conosciuta all’epoca come Albania Caucasica. Pernotteremo in hotel.

5° giorno: Shaki – Lagodekhi (ingresso in Georgia) – Tbilisi (300 km)
Dopo una deliziosa colazione, esploreremo il suggestivo Palazzo del Khan ammirando le particolari decorazioni. Successivamente, visiteremo la Casa degli Artigiani e il Caravanserraglio nella città di Sheki. Dopo le formalità doganali, avverrà il cambio della guida e dei mezzi di trasporto. Ci trasferiremo a Tbilisi per la sistemazione in hotel. La serata sarà libera per il pernottamento.

6° giorno: Tbilisi – Mtskheta – Tbilisi (65 km)
Dopo colazione, intraprenderemo la visita alla capitale affascinante della Georgia. Il tour inizierà nel cortile della chiesa di Metekhi, situata su una collina che domina il fiume Mtkvari. Con una moderna cabinovia che parte dal parco di Rike, raggiungeremo la Fortezza di Narikala, costruita nel IV secolo sulla collina che domina la città. Scenderemo a piedi nel Quartiere di Abanotubani, un luogo unico nel mondo in cui si trovano a pochi passi una Chiesa, una Moschea (dove pregano insieme sciiti e sunniti) e una Sinagoga. Proseguiremo per Mtskheta, antica capitale e centro religioso della Georgia, dove visiteremo la Chiesa di Jvari e la Cattedrale di Svetitskhoveli, entrambe Patrimonio dell’UNESCO. Ritorneremo a Tbilisi per la cena in un ristorante tradizionale e il pernottamento in hotel.

7° giorno: Tbilisi – Stepantsminda – Gergeti – Ananuri – Tbilisi (300 km)
Dopo colazione, ci dirigeremo verso nord lungo la mitica Strada Militare Georgiana. Arriveremo a Stepantsminda (1.750 m), dominata a ovest dalla cima innevata del Monte Kazbeghi (5.047 m), su cui si staglia la sagoma inconfondibile della chiesa di Sameba. Saliremo in minivan 4×4 alla trecentesca Chiesa della Trinità a 2.170 m di altezza. La sua posizione isolata, sulla cima di una ripida montagna, circondata dalla vastità del paesaggio naturale, ha reso la chiesa un autentico simbolo della Georgia. Pranzeremo lungo il percorso e visiteremo il Complesso di Ananuri (XVII sec.), un castello teatro di numerose battaglie nel corso dei secoli.

Al termine delle visite, rientreremo a Tbilisi. La cena sarà libera e passeremo la notte in hotel a Tbilisi.

8° giorno: Tbilisi – Vardisubani – Alaverdi – Gremi – Tbilisi (290 km)
Dopo colazione, ci metteremo in viaggio per la Regione di Kakheti, la rinomata regione vinicola della Georgia, celebre per il buon vino e l’eccezionale ospitalità. Visiteremo la bottega locale di Vardisubani, dove artigiani tramandano la tradizione di creare giare di terracotta da quattro generazioni. Proseguiremo con la visita della maestosa Cattedrale di Alaverdi, che custodisce un ciclo di affreschi dell’XI – XVII secolo. Pranzeremo presso una famiglia locale, degustando vini e piatti tipici della zona. Successivamente, esploreremo l’imponente cittadella di Gremi, capitale del regno di Kakheti nel XVI e XVII secolo. Ritorneremo a Tbilisi per il pernottamento in hotel.

9° giorno: Tbilisi – Italia
Dopo la colazione in hotel, avremo del tempo libero fino al trasferimento in aeroporto, in accordo con gli orari del volo di ritorno in Italia.

Grazie di essere qui!

Abbi pazienza

La versione precedente del sito resisteva on-line da diversi lustri, da pochi giorni La Compagnia del Relax ha una nuova livrea aggiornata e funzionale.
Al momento è ancora disordinata, come per magia sono tornati on-line viaggi con vecchie date e altre amenità.
Col tempo migliorerà tutto!
Foto, calendario partenze, newsletter, link, un lavoro 
immane per mettere on-line il mezzo migliaio di pagine che comporranno il sito.
Il meccanismo però è lo stesso: ci sono i temi di viaggio e le destinazioni, se non trovi qualcosa che cerchi, scrivimi!
P.s. Non trovi il box della Privacy ma puoi navigare in tranquillità perché non raccolgo i cookies e non uso olio di palma ;)